Storia

Nostra Signora delle Vittorie

Una storia incredibile

Costruito a Parigi da Luigi XIII, il Santuario di Nostra Signora delle Vittorie è uno dei luoghi mariani più famosi del mondo, noto per le numerose grazie dispensate dalla Vergine Maria a tutti i pellegrini che vengono a visitarla.

Dicembre 1629: Luigi XIII,
fondatore DELLA BASILICA

Luigi XIII fondò Nostra Signora delle Vittorie nel 1629. Il re rispose all’appello degli Agostiniani Scalzi, conosciuti come i « Piccoli Padri », che gli chiesero il denaro necessario per costruire un nuovo convento sui tre ettari che avevano acquistato tra la Porta di Montmartre e la Porta di Saint-Honoré, vicino a un campo dedicato al gioco della paume, la posta.

Il re espresse il desiderio che la chiesa fosse dedicata e consacrata in onore della Beata Vergine, sotto il titolo di Nostra Signora delle Vittorie, in riconoscimento di tutte le vittorie che aveva ottenuto con la sua protezione sia sugli eretici ribelli che sugli altri nemici del suo regno, e, soprattutto, in ricordo della presa di La Rochelle sui protestanti in rivolta. Domenica 9 dicembre, il re pose solennemente la prima pietra in presenza dei signori della corte e dei magistrati della città.

Per la posa della prima pietra da parte di Luigi XIII, fu costruita una cappella a cornice, maestosamente decorata. Diverse tende e ricchi arazzi decoravano il luogo della cerimonia.

L’8 dicembre 1629, vigilia dell’evento e festa dell’Immacolata Concezione della Vergine Maria (diventata Immacolata Concezione dopo la proclamazione del dogma nel 1854), l’arcivescovo di Parigi, Mons. de Gondi, piantò la croce sul luogo dove doveva essere costruita la chiesa, alla presenza dei trenta monaci del convento.

Novembre 1637:
La rivelazione di Fratello Fiacre

Frate Fiacre, uno dei monaci agostiniani, vede la Vergine Maria apparire a lui. Gli presentò « il bambino che Dio voleva dare alla Francia », il futuro Luigi XIV, il tanto sperato erede del regno.

In quattro occasioni, tra l’una e le quattro del mattino, il religioso ebbe davanti agli occhi la Madre di Cristo, accompagnata dal bambino reale, e poi da Gesù Cristo. Fu il grido di un bambino che attirò l’attenzione del monaco:

« Girò la testa dalla parte della voce », riporta il manoscritto negli archivi del convento (conservato nella Bibliothèque Nationale, controfirmato dal vicario generale e dal priore dell’epoca), « e vide la Sacra Vergine circondata da una luce bella e piacevole, con un bambino in braccio, vestito con una veste blu cosparsa di stelle, i capelli che le pendevano dalle spalle, tre corone in testa, seduto su una sedia, e che gli diceva: « Bambino mio, non aver paura, io sono la Madre di Dio ». A questo, si gettò a terra per adorare il bambino che lei teneva in braccio, pensando che fosse Gesù Cristo, ma la sacra Vergine gli disse: « Figlio mio, non è mio figlio, è il bambino che Dio vuole dare alla Francia. Questa prima visione gli durò un buon quarto d’ora… ».

Nostra Signora
delle Grazie di Cotignac

In questa rivelazione, che fu portata all’attenzione della regina e del re, la Vergine chiese tre novene, a Nostra Signora delle Grazie (a Cotignac, in Provenza), Nostra Signora di Parigi e Nostra Signora delle Vittorie. Fratello Fiacre li adempì dall’8 novembre al 5 dicembre 1637.

Il 5 settembre 1638, Anna d’Austria diede alla luce un figlio – Luigi, Dieudonné – al castello di Saint-Germain en Laye. La Gazzetta di Francia poteva allora scrivere, poiché il fatto non poteva sfuggire alla Corte:
« Un anno fa, un religioso avvertì la regina che avrebbe dato alla luce un figlio ».

Durante la sua vita, Fratel Fiacre userà le grazie della sua preghiera per servire la famiglia reale, ma anche i poveri che cercano la sua intercessione e la pace, che è la sua preoccupazione costante.

Alle Armi
di Francia

Dopo la rivelazione di Fratel Fiacre, e quando la gravidanza della regina era stata dichiarata diverse settimane prima, Luigi XIII fece il voto di consacrare la Francia alla Vergine Maria. Il 6 gennaio 1638, il testo del voto reale fu adottato, poi firmato il 10 febbraio dal sovrano, con le lettere patenti che fissavano la consacrazione pubblica il 15 agosto dello stesso anno, a Notre-Dame de Paris.

Tre secoli dopo (15 agosto 1938), uno dei capi della Casa di Borbone, il principe Saverio, rinnovò il gesto del suo illustre antenato consacrando il nostro paese a Nostra Signora delle Vittorie, in un testo solennemente depositato ai piedi della Madre di Dio. Il cartiglio con le armi di Francia rifletteva, all’epoca, un’evidente protesta politica. È tuttavia uno di quegli atti di fede che illustrano la devozione mariana dei principi borbonici.

Aprile 1674: la venerazione
di Nostra Signora di Savona

Al suo ritorno da una missione reale in Italia, dove scoprì Nostra Signora di Savona, Fratel Fiacre le eresse una cappella a Nostra Signora delle Vittorie. Luigi XIV finanziò la sua costruzione. Fu benedetta solennemente il 2 aprile 1674. Prostrato davanti alla venerata immagine, scolpita a Genova, il religioso chiese alla Vergine di essere il rifugio dei peccatori in questa chiesa, e concesse alla Francia la stessa protezione degli abitanti dell’Italia (la devozione alla Madonna di Savona nacque dall’apparizione della Madre di Dio ad Antoine Botta, nella valle di San Bernardo, presso Savona, il 18 marzo 1536; È apparsa tre volte a Botta e ha esortato il popolo a fare penitenza e a digiunare).

La statua (vestita con un mantello bianco, la Vergine indossa una corona d’oro) è scomparsa durante la rivoluzione, insieme ai tesori del convento, dopo che i monaci erano stati espulsi e la chiesa chiusa. Fu solo il 9 novembre 1809 che la chiesa fu rinominata Nostra Signora delle Vittorie dopo sette anni di trattative con la Borsa, che era stata installata nella chiesa dal 1796, per decisione del Direttorio.

Dicembre 1836:
Il Cuore Immacolato di Maria

Dopo quattro anni di apostolato e disperato per la sua parrocchia, pronto ad abbandonare il suo ministero, il parroco, Charles-Éléonore Dufriche Desgenettes, salì all’altare e sentì per due volte il seguente ordine: « Consacrate la vostra parrocchia al Cuore Santissimo e Immacolato di Maria. In un atto di fede, l’abate affidò il successo pastorale della sua parrocchia alla Vergine, e in pochi giorni creò un’associazione di preghiera in onore del Cuore Immacolato della Beata Vergine per ottenere la conversione dei peccatori attraverso la protezione di Maria. Il 10 dicembre 1836, l’arcivescovo di Parigi, Mons. de Quélen, approvò gli statuti. Ritratto dell’Abbé Desgenettes

Il giorno seguente, domenica 11 dicembre, scelto per la prima riunione dell’associazione, il parroco di Nostra Signora delle Vittorie è stato testimone della moltiplicazione dei fedeli: quasi 500 persone lo aspettavano all’ora dei vespri, con grande fervore, quando la messa alta del mattino aveva riunito solo una dozzina di parrocchiani.

La conversione
di un ex ministro

Volendo essere sicuro della potente intercessione della Madre di Dio, padre Desgenettes chiese un altro segno: la conversione di un ex ministro di Luigi XVI, un Voltairiano convinto, il signor Etienne de Joly. Il suo desiderio è stato esaudito in pochi giorni. Con questa conversione, Maria significa ciò che vuole essere a Nostra Signora delle Vittorie, il Rifugio dei peccatori, come è stato fin dalla fondazione della chiesa.

Nel cuore
del dogma

La straordinaria estensione in tutto il mondo dell’associazione di preghiera mariana fondata dall’Abbé Desgenettes ha contribuito alla definizione del dogma dell’Immacolata Concezione da parte di Pio IX l’8 dicembre 1854?

Il Papa sapeva con quanto ardore i fedeli avevano pregato per lui nella chiesa del Santissimo Cuore Immacolato di Maria, su iniziativa di Hermann Cohen (fondatore dell’adorazione notturna). Non ignorava che la prima pietra del santuario di Parigi era stata posta l’8 dicembre.

Un anno prima della proclamazione del dogma, il 9 luglio 1853, il Papa aveva offerto una nuova corona alla Vergine di Nostra Signora delle Vittorie.